Nella tua regione

Regioni

Ultima informazione media


Comunicato stampa del 24 giugno 2020

Passaggio di testimone alla presidenza di Alzheimer Svizzera


I delegati hanno eletto la nuova presidente di Alzheimer Svizzera: Catherine Gasser (Dr. iur.) succede a Ulrich Gut (Dr. iur.), che si dimette dopo undici anni di intenso impegno per inserire le questioni relative alla demenza nell’agenda politica.

Con voto scritto, i delegati delle 21 sezioni cantonali hanno eletto Catherine Gasser (Dr. iur.) nuova presidente di Alzheimer Svizzera. Già membro del Consiglio d’amministrazione da un anno, il 24 giugno 2020 Catherine Gasser sostituirà Ulrich Gut (Dr. iur), a capo dell’organizzazione mantello dal 2009. Catherine Gasser porta con sé una pluriennale esperienza manageriale, conosce perfettamente il sistema sanitario svizzero e dispone di un’eccellente rete di contatti con i vari attori politici. Dal 2017 è co-presidente della Strategia nazionale contro il cancro. In passato è stata a capo della Divisione professioni sanitarie dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Migliorare la qualità delle cure e dell’assistenza nonché della vita per le persone affette da demenza e per i loro familiari sono due delle principali preoccupazioni della nuova presidente di Alzheimer Svizzera. «Non vedo l’ora di lavorare con le nostre sezioni per far sentire ancora di più le preoccupazioni delle persone affette da demenza e dei loro familiari nel dibattito politico», afferma Catherine Gasser.

Servizi innovativi per le persone affette da demenza e per i loro familiari

La Strategia nazionale sulla demenza adottata nel 2014 è stato il traguardo politico più importante degli 11 anni di mandato del presidente uscente Ulrich Gut. Insieme a Stefanie Becker (Dr. phil.), amministratrice delegata, ne ha sostenuto l’introduzione e l’attuazione e ha spianato la strada alla successiva Piattaforma nazionale demenza, lanciata nel febbraio del 2020. Per dar voce alle preoccupazioni di Alzheimer Svizzera in seno alle Camere federali e per far progredire temi come il finanziamento delle cure, all’interno di Alzheimer Svizzera ha per di più creato la commissione politica. Ulrich Gut era particolarmente interessato anche alle relazioni pubbliche.

Dopo il loro impegno pluriennale per Alzheimer Svizzera, anche Raffaella Moresi, René Schwarz e Stephan Kohler si dimettono dalle loro posizioni al fianco di Ulrich Gut. Con l’elezione di Lara Allegri e della dottoressa Antonia Jann nel Consiglio d’amministrazione di Alzheimer Svizzera, i delegati hanno scelto due nuovi membri esperti e competenti per affrontare le questioni della demenza e della vecchiaia; hanno inoltre nominato membro onorario Raffaella Moresi, come segno di riconoscenza per il suo operato e per lo sviluppo di Alzheimer Ticino.


Maggiori informazioni:

Jacqueline Wettstein, direttrice Comunicazione
N. di tel. 058 058 80 41, cellulare 079 462 20 69
jacqueline.wettstein(at)alz.ch

Alzheimer Svizzera
Gurtengasse 3
3011 Berna
www.alz.ch

è un’associazione senza scopo di lucro con più di 10’000 membri e circa 130’000 sostenitori. L’organizzazione è rappresentata da un punto di contatto in ogni Cantone. Da oltre 30 anni sostiene con professionalità le persone affette da demenza, i loro familiari e il personale addetto alle cure e all’assistenza.