Il principio attivo Aducanumab, della società farmaceutica Biogen, era la promettente speranza per la ricerca sull’Alzheimer. Questo principio attivo preverrebbe l’accumulo di dannose placche di proteina beta-amiloide nel cervello e contrasterebbe la perdita delle capacità cognitive. Alla fine della fase clinica tre, Biogen ha interrotto l’ulteriore sviluppo del farmaco a causa dei risultati insufficienti. Ciò significa che le speranze di una terapia efficace per l’Alzheimer si sono nuovamente arenate nel prossimo futuro. Gli ultimi mesi sono stati segnati dai fallimenti nella ricerca sull’Alzheimer. Roche ha interrotto due dei suoi studi solo a gennaio, dopo che anche Pfizer si era già ritirata dalla ricerca sulle malattie neurodegenerative lo scorso anno.

Si tratta di una grave battuta d’arresto per i ricercatori e gli investitori. Ma la delusione delle persone colpite e dei loro familiari è ben maggiore. Secondo le stime di Alzheimer Svizzera, entro il 2040 circa 300’000 persone saranno affette da demenza. Senza prospettive di farmaci veramente efficaci e in considerazione dell’aumento dei costi per le cure e l’assistenza, la nostra società sarà dunque chiamata ad affrontare sfide impegnative.